Costellazioni familiari sabato 25 novembre

18 ottobre 2017

In collaborazione con l’Associazione Toscana Counselor, organizzatrice dell’evento.
Le COSTELLAZIONI FAMILIARI,SISTEMICHE E RITUALI sono uno strumento efficace e prezioso fra le tecniche di relazione di aiuto e olistiche.
Metodo creato inizialmente dallo psicoterapeuta tedesco Bert Hellinger.
E’ fondamentalmente uno strumento di consapevolezza e, quindi di guarigione, di serenità e benessere attraverso il riconoscimento di quelli che Hellinger chiama “Irretimenti”, cioè quella forza che ci spinge inconsapevolmente a prendere il posto di qualcuno del nostro sistema di appartenenza, magari mai conosciuto e identificarci con lui imitandone il destino. “Irretimenti” familiari che si trasmettono di generazione in generazione e che sono causa di disturbi fisici, emozionali, psichici o che ci fanno ammalare. Quando vivo il destino di un altro sono infelice e porto pesi che mi schiacciano perché sono “fuori posto”. Se sono nel mio destino sono la persona più felice e serena perché occupo il mio posto nella vita!
E’ un lavoro che utilizza lo strumento della rappresentazione, in cui il cliente porta un tema e altri lavorano come rappresentanti per lui. Una sorta di “teatro”, reale e vivo attraverso il quale possiamo far emergere i condizionamenti profondi ai quali sottostiamo e risolverli; osservare le dinamiche che ci fanno soffrire e sentire fuori posto nella vita quotidiana e scioglierle con consapevolezza.
Per amore si soffre, ci si ammala e, a volte si muore.
Si tratta di un amore arcaico, cieco, un movimento di compensazione che mantiene e alimenta l’origine della tensione ma che non è al servizio della crescita e della vita nel suo fluire. Tutto ciò che le Costellazioni fanno è “portare alla luce e mettere in connessione”, con risonanze davvero profonde e liberanti. Può fluire dolore ma anche amore, forza e gioia.
Niente guarisce più della verità! Vediamo solo ciò che ha bisogno di essere visto e che siamo in grado di vedere in quel momento, ciò che si mostra, “Ciò che c’è” dice Hellinger Compito del Costellatore è far emergere le dinamiche che ci legano ai condizionamenti dell’anima collettiva del nostro sistema familiare; dinamiche che ci portano a fare scelte, a provare emozioni, ad avere convinzioni per cui lottiamo, così che, chi lavora possa riconoscere ciò che c’è e liberarsi di tutto ciò che non è suo, restituendolo a chi appartiene.
Il potenziale che si sviluppa dopo una costellazione può essere grandissimo e immediato e manifestarsi nelle settimane successive e addirittura a distanza di 1 o 2 anni. Anche semplicemente assistendo ad una sessione, anche senza mettere in scena un proprio tema è possibile guarire da irretimenti e fare luce dentro di sé.